Strinsi le mani

   Strinsi le mani sotto il velo oscuro…
‘Perché oggi sei pallida?’
Perché d’agra tristezza
l’ho abbeverato fino ad ubriacarlo.

   Come dimenticare? Uscì vacillando,
sulla bocca una smorfia di dolore…
Corsi senza sfiorare la ringhiera,
corsi dietro di lui fino al portone.

   Soffocando, gridai: ‘E’ stato tutto
uno scherzo. Muoio se te ne vai’.
Lui sorrise calmo, crudele
e mi disse: ‘Non startene al vento’.


Anna , Odessa 1889 – Mosca 1966
 

 

Share

Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

avatar
wpDiscuz