Lugano Addio

   Le scarpe da tennis bianche e blu
seni pesanti e labbra rosse e la giacca a vento
Oh! Marta io ti ricordo così
il tuo sorriso e i tuoi capelli fermi come il lago
Lugano addio cantavi
mentre la mano mi tenevi
"Canta con me."
Tu mi dicevi ed io cantavo
di un posto che
non avevo visto mai

   Tu, tu mi parlavi di frontiere
di finanzieri e contrabbando
mi scaldavo ai tuoi racconti
"E mio padre sì," Tu mi dicevi,
"Quassù in montagna ha combattuto!"
Poi del mio mi domandavi

   Ed io pensavo a casa
mio padre è fermo su una spiaggia
le reti al sole i pescherecci in alto mare
conchiglie e stelle
le bestemmie e il suo dolore

   Oh! Marta io ti ricordo così
il tuo sorriso e i tuoi capelli fermi come il lago
Lugano addio cantavi
mentre la mano mi tenevi
addio cantavi
e non per falsa ingenuità
tu ci credevi

   e adesso anch’io che sono qua
Oh! Marta mia addio ti ricordo così
il tuo sorriso e i tuoi capelli fermi come il lago

Ivan Graziani, Teramo 1945 – Novafeltria 1997 

Share

Leave a Reply

1 Comment on "Lugano Addio"

avatar
trackback

[…] mi dispiace per l’audio: oggi faccio quello che posso fare.Ivan Graziani, Lugano Addio: qui trovate il […]

wpDiscuz