Sette Pensieri

  • «Essere poeta non è una mia ambizione. E’ la mia maniera di stare solo.»
  • «La letteratura, come tutta l’arte, è la confessione che la vita non basta.»
  • «Ho per la vita l’interesse di un decifratore di sciarade.»
  • «La sincerità è un grande ostacolo che l’artista deve vincere.»
  • «E finalmente, sopra l’oscurità dei tetti lustri, la luce fredda del tiepido mattino appare come un supplizio dell’Apocalisse. E’ di nuovo l’immensa notte della luce che cresce. E’ di nuovo l’orrore di sempre: il giorno, la vita, l’utilità fittizia, l’attività senza soluzione. E’ di nuovo la mia persona fisica, visibile, sociale, trasmissibile attraverso parole che non dicono nulla, utilizzabile dai gesti altrui e dalla coscienza altrui.»
  • «Manteniamo il silenzio sull’impenetrabile e sull’irrazionale. Scendiamo mostrando il velo che non abbiamo mai alzato.»
  • «Cosa so? Cosa cerco? Cosa sento? Cosa chiederei se dovessi chiedere?»


, Il poeta è un fingitore. Feltrinelli, 6ª edizione, marzo 1996
 

Share

Leave a Reply

1 Comment on "Sette Pensieri"

avatar
trackback

[…] vi interessa leggere altri sette pensieri tratti da Il poeta è un fingitore, potete guardare questo post)Il poeta è un fingitore. Fernando Pessoa, Lisbona 1888 – […]

wpDiscuz