Omissis (2) – Lentamente

E’ difficile trovare un gatto nero in una stanza buia, specialmente quando il gatto non c’è.
(Proverbio cinese)

   (Lentamente)
Come una lama di luce che segue l’ombra di una porta che si apre lentamente. Procedendo a tentoni nella mia caverna buia, ho imparato che non sempre una bussola può indicarti la direzione da seguire. Soprattutto se continui a guardare il Nord mentre ti chiedi se non sia meglio procedere verso sud, est, o – perché no – ovest.
   (Al passo)
Sì ma la strada che mi riporta indietro dov’è? Non c’è, come la lama di luce che segue l’ombra della porta senza raggiungerla mai. Ad un certo punto del cammino l’ombra sparisce, è tutto qui. Nord era la direzione sbagliata.
   (Al piccolo trotto)
Intanto fuori dalla caverna la primavera continua ad inseguire l’estate, che insegue l’autunno, che insegue l’inverno per ritornare in primavera e ricominciare il ciclo che non si completa mai. Le stagioni passano e si inseguono come è sempre stato, i mesi si aggiungono ai mesi, gli anni si aggiungono agli anni, il tempo ti accorcia il fiato e lentamente non è abbastanza in fretta. Est era la direzione sbagliata.
   (Velocemente)
Il mondo fuori dalla caverna corre. La dimensione in cui ti sei rinchiuso è fuori dal mondo, tu sei fuori dal mondo. Ogni tanto qualche estraneo dell’altro posto si affaccia nella caverna spinto dalla curiosità, ti guarda: Che strana creatura. Tu lo guardi: Che strana creatura. L’estraneo passa oltre e va, tu resti fermo e resti. Ovest era la direzione sbagliata.
   (A perdifiato)
Imbocchi dritto verso sud. Corri! Corri perdio! Corri! – perché la bussola ha finito le direzioni! Chiudi gli occhi e corri! Non sai dove stai andando ma è avanti. E avanti è una novità sufficiente per correre alla cieca da qualche parte.

Share

Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

avatar
wpDiscuz