Oh no, ti amo!

Stefania era una stronza radicale, voglio essere chiaro su questo. Nel suo campo era una fondamentalista: la Capostronza Universale. Non ci devono essere dubbi, perché se non si capisce questa cosa non si capisce niente. Apparteneva a quel tipo di stronzi che (per esempio) dicono di fare una cosa e poi non la fanno e si propongono con il ciglio pretenzioso e supponente di chi l’ha fatta – o di chi non l’ha fatta ma non poteva farci niente. Ma non è vero, è un atteggiamento che può andare bene in un bluff al tavolo del poker, nella vita questo tipo di persone portano presto o tardi a gravi disastri. Il guaio è che queste persone risultano così convincenti perché nel momento in cui dichiarano il loro proposito, magari sono convinte loro per prime che riusciranno ad arrivare fino in fondo, fino al risultato. Salvo poi scontrarsi con la propria natura, che non permetterà il cambiamento di un bel niente. Le persone non cambiano di propria volontà, perché non possono farlo neanche volendolo e se fate mente locale vedrete che è così anche per voi. E come è per voi, è per tutti. La chiave per la comprensione delle cose è la natura delle cose: di ogni cosa cerca cos’è in sé stessa, diceva Diogene. Volendo capire le motivazioni di qualcuno, e posto che questo possa essere interessante o possa cambiare qualcosa, bisogna capirne la natura. Parole, discorsi, buoni propositi, abbigliamento: non significano niente. Conta solo la natura.

Un’altra cosa deve essere chiara: io sapevo tutto questo già cinque minuti dopo averla conosciuta, quindi niente sorprese qui, o delusioni. Pura e semplice consapevolezza di chi senza occhi bendati decide di buttarsi in un precipizio senza fondo né pareti né eco né speranza né niente. Da subito due forze di uguale potenza ma tra di loro contrarie hanno cominciato a lottarmi nella coscienza: 1) L’amore: innamorato, subito, a prima vista: f.r.e.g.a.t.o. 2) L’istinto: spingeva nella direzione esattamente opposta a quella dell’amore. La mia vocina mi diceva: Vattene da qui, adesso, subito: vattene senza voltarti, scappa! ADESSO!

Ne sono uscito con l’anima sgangherata. E’ inutile che scrivo che ero a pezzi, a pezzi non rende l’idea, non significa niente. Ero sgangherato, punto. C’è un responsabile per tutto questo, si chiama Amore. L’amore sentimentale è un abominio, un orrore dalle conseguenze imponderabili. Chi dice che l’amore è un angelo? L’amore è un diavolo e Cupido è un gran figlio di puttana.

 

Share

Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

avatar
wpDiscuz