Black Dog

Alfredo leggeva, sbirciando le parole attraverso lenti spesse e tonde, e talmente curvo che sembrava quasi formare un cerchio.
Leggeva sempre.
Tra i suoi clienti, tutti bambini di strada, girava voce che cercasse un misterioso varco, nascosto da qualche parte nei suoi libri, dissimulato tra le righe o tra le parole. Un varco che gli avrebbe consentito una volta per tutte di infilarsi nelle pagine e scomparire per sempre.

Alex Garland, Black Dog

Share

Leave a Reply

2 Commenti on "Black Dog"

avatar
Anonymous
Ospite

E’ molto bello questo estratto. Mi ricorda il racconto “L’Aleph” di Borges.

Max
Ospite

Non ho letto quel racconto

wpDiscuz