Il Cantico di Natale (C. Dickens)

Marley, prima di tutto, era morto. Niente dubbio su questo. Il registro mortuario portava le firme del prete, del chierico, dell’appaltatore delle pompe funebri e della persona che aveva guidato il mortoro. Scrooge vi aveva apposto la sua: e il nome di Scrooge, su qualunque fogliaccio fosse scritto, valeva tant’oro. Il vecchio Marley era proprio morto per quanto è morto, come diciamo noi, un chiodo di porta.
(Il Cantico di , incipit)


A un mese esatto da quello che chiamava "il più bel giorno dell’anno" (la vigilia di Natale), ripropongo per il terzo anno di seguito la lettura del Cantico di Natale. Le tradizioni sono importanti. Quest’anno sono in anticipo: un mese non è poco. Il fatto è che per onorare le tradizioni bisogna prepararsi per tempo: entrare nello spirito giusto. Ognuno si prepara a modo suo. Un ottimo modo potrebbe essere quello di leggere il cantico di natale alla vostra sorellina minore, o a vostro figlio. Un po’ alla volta, la sera prima di addormentarsi. E’ la scusa migliore per rileggere una cosa bella come questa.
Cliccando qui potrete scaricare un file zippato che contiene il testo completo della novella. La versione è quella contenuta nel sito LiberLiber

Cantico di Natale. Charles Dickens, Portsmouth 1812 – 1870 

Share

Leave a Reply

2 Commenti on "Il Cantico di Natale (C. Dickens)"

avatar
Luciano
Ospite

Grazie davvero per il vostro lavoro e per ciò che fate per diffondere la conoscenza.

Max
Ospite

🙂

wpDiscuz