Nemo propheta in patria

Dieci anni fa, oggi, moriva . Qui sotto ci sono due filmati: nel primo Lucio risponde a chi lo critica sostenendo che dovrebbe smettere di cantare perché non ha la voce adatta per farlo. Vorrei proporre una riflessione velocissima su uno scenario assurdo: mettiamo che quel giorno (era il 1970), Battisti avesse risposto: "Mi avete convinto, devo smettere", e fosse uscito da quello studio senza mai più cantare una canzone. Pensate al patrimonio musicale che sarebbe andato perso. Vi do una mano: in particolare sono degli anni successivi: e parole, Mi ritorni in mente, I giardini di marzo, Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi, Il mio canto libero, Il nostro caro angelo, Ancora tu, Amarsi un po', Sì viaggiare, Prendila così, Nessun dolore, Una donna per amico. Quello che voglio dire è questo: quando una vocina dentro la testa vi dice di fare una cosa, fatela. Non importa se gli altri – tutti gli altri – vi sono contro: voi fatela.

 

Siccome Battisti ha continuato a cantare, nel secondo filmato ci sono I giardini di marzo.

 

 

Share

Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

avatar
wpDiscuz