Comfortably Numb: The Wall, il film

L'uomo giusto al posto giusto nel momento giusto fa sempre una certa impressione. Perché a volte capita che questa persona aspetti tutta la vita prima che il momento magico si manifesti, come è capitato a Mickey Rourke per esempio. Esplode come attore con Nove settimane e mezzo, poi sprofonda nella più buia e infeconda delle depressioni, passa un ventennio sbattuto tra la dipendenza dall'alcool che lo imbruttisce all'inverosimile, e filmetti di quarta categoria. Quest'uomo è finito? Il suo apice era il film che l'ha lanciato? Il suo personaggio era il superfigo spaccacuori? Macché, macché. Dopo 20 anni il destino si presenta all'improvviso e gli svela di averlo imbruttito per metterlo nei panni del vero personaggio di tutta una vita: Mickey Rourke non era il superfigo spaccacuori, Mickey Rourke era Marv, di Sin City. Date un'occhiata al filmato che vi ho appena linkato e provate a dire di no. Per diventare chi era, per interpretare il ruolo di una vita, doveva passare attraverso la propria distruzione. Di più: doveva restare distrutto. A volte capita così.

Altre volte invece il meccanismo si svela alla rovescia: tu pensi di essere un grande cantante? Magari hai anche pubblicato il tuo album e la gente lo sta comprando e tu pensi di aver trovato la tua strada e ti vedi come leggenda del rock? Macché, chiedetelo a Bob Geldof. Lui è nato per essere Mr. Floyd, e basta. La sua interpretazione del film The Wall è inarrivabile, ha trovato subito chi era, poi ha passato il resto della vita a ri-cercarsi. Ma niente da fare: il suo tempo era scaduto alla fine del film. Per noi è valsa senz'altro la pena (non vorrei mai vedere nessun altro nei panni di Floyd), per lui non lo so. Ma alla fine ogni artista serve una causa superiore, credo che quello che valesse per lui sia del tutto marginale. All'arte basta che abbia interpretato momenti come quelli del filmato qui sotto. E sapete una cosa? Dovrebbe bastare anche a lui.

https://www.youtube.com/watch?v=tkJNyQfAprY

Share

Leave a Reply

1 Comment on "Comfortably Numb: The Wall, il film"

avatar
Celeste
Ospite

Semplicemente perfetto.
Sì, dovrebbe bastare anche a lui 🙂

wpDiscuz