Notte del ventuno. Lunedì.

Notte del ventuno. Lunedì.
La città è immersa nel buio.
Un qualche burlone ha scritto
che c’è amore sulla terra.
E per pigrizia o per tristezza
tutti ci hanno creduto. E così vivono:

anelano incontri, temono i distacchi,
cantano amorose canzoni.
Ma diverso si rivela il mistero
e il silenzio calerà su ognuno…
Anch’io mi ci sono imbattuta per caso
e d’allora sono sempre come ammalata.

 

Anna , Odessa 1889 – Mosca 1966 

Share

Leave a Reply

4 Commenti on "Notte del ventuno. Lunedì."

avatar
Celeste
Ospite

Un qualche burlone ha scritto
che c’è amore sulla terra.

Questo verso mi ha fatto pensare ad una scritta su un muro vicino a casa mia: ” amore x favore”. Chissà se a scrivere è stato un burlone, o solo qualcuno con un disperato bisogno di amore. Non so perchè, propendo per la seconda ipotesi 🙂
Dimenticavo … il tuo blog in veste festaiola mi piace moltissimo 🙂
Ciao

Celeste
Ospite

Rileggendo il commento, ho notato che manca un pezzo: davanti a ” amore x favore” dovrebbe esserci un segno (più).

Max
Ospite

Preferisco di gran lunga il tipo che avrebbe salvato Piero Bargagli nella sua poesia sulla Letteratura Murale:

A tutti i bastardi
che scrivono sui muri
di politica o di calcio
di galera o di ribellione,
Juventus troia
Giovannino libero
Zaccanguer boia,
possa Dio all’improvviso
vendicando i marmi delle chiese
gli intonaci dei palazzi,
trasformare in veleno la vernice
in vipera il pennello
dannarli tra gli spasimi
per aver lordato ciò che è bello.

Ma uno vorrei che salvasse fra mille,
chi ha scritto in Via Trieste:
Irene, la topa ti fa scintille.

Celeste
Ospite

Beh, a parziale discolpa del bisognoso di amore (che mi ispira simpatia anche se non lo conosco) posso dire che il muro su cui ha scritto è un orribile blocco di cemento grigio. Non ha deturpato qualcosa di bello, insomma 🙂

wpDiscuz