Fimmina lingua longa e amica degli sbirri

 

 

Stasera stavo guardando su youtube l'intervento di Massimo Ciancimino al Viva Voce Festival. Ad un certo punto, nello spazio delle domande, interviene una signora tra il pubblico, e nel fare la sua domanda parla della storia di una ragazza fino a questo momento a me completamente sconosciuta. E' una storia incredibile.

Questa ragazza di cui voglio parlare si chiama Rita Atria. La storia di Rita comincia brutalmente nel 1985, quando la mafia uccide suo padre, Don Vito Atria. Rita ha 11 anni. 

Vito Atria era un boss mafioso di Partanna, nella provincia di Trapani, e venne ucciso in un regolamento di conti perché sembra si opponesse al nuovo corso della mafia che aveva cominciato ad investire i propri soldi nel giro della droga. Il padre di Rita viene ucciso a 9 giorni dal matrimonio di Nicola (figlio del boss e fratello di Rita). Nicola Atria decide allora di vendicare la morte del padre con i mezzi mafiosi, ma finirà vittima della mafia lui stesso nel 1991. Giugno del 1991, Rita ha 17 anni.

A questo punto della sua vita, Rita ha perso per mano della mafia il padre e il fratello. 5 mesi dopo la morte del fratello, nel novembre del 1991, Rita decide di testimoniare contro gli assassini dei suoi familiari. Nonostante la sua giovane età infatti, è depositaria di molti segreti mafiosi, che il fratello Nicola le ha rivelato dopo la morte del padre. Il giudice che raccoglierà le sue testimonianze è Paolo Borsellino.

A causa del suo nuovo ruolo di testimone, Rita viene spostata a Roma e messa sotto la protezione dell'Alto Commissariato Antimafia. A Roma vivrà in un appartamento insieme alla cognata (la moglie del fratello Nicola, anche lei testimone e anche lei sotto protezione).

Il 19 luglio del 1992, a Palermo, in via D'Amelio, il giudice Paolo Borsellino viene ucciso dalla mafia per mezzo dell'esplosione di una Fiat 126 imbottita con 100 chili di tritolo. 

Sette giorni dopo la morte di Borsellino, Rita Atria si toglierà la vita gettandosi dal settimo piano della sua abitazione a Roma.

Al suo paese la chiamavano "Fimmina lingua longa e amica degli sbirri". Al suo funerale non partecipò neanche il parroco del paese. 

Pochi mesi dopo la morte di Rita, sua madre andò al cimitero e con un martello distrusse la sua lapide e la sua fotografia.

 

Approfondimenti:

Share

Leave a Reply

4 Commenti on "Fimmina lingua longa e amica degli sbirri"

avatar
Celeste
Ospite

Conoscevo la storia. Mi mancava il particolare della madre che distrugge a martellate la sua lapide. Non so perchè (o forse no, lo so benissimo il perchè), mi sembra la cosa più triste di tutta la vicenda.

Ermione
Ospite

La storia di questa giovane donna mi era nota, ora con questo tuo post ho avuto l’occasione di approfondire la vicenda. Ho appreso tra l’altro che è stato fatto anche un film, La siciliana ribelle, che la nipote di Rita ha ritenuto indegno e mistificatorio.
La breve vita di questa ragazza stringe il cuore. Non so poi, alla fine, chi sia stato più colpevole: la mafia certo, l’omertà e la paura vigliacca di tutto il paese, i familiari che l’hammo lasciata sola.

sara
Ospite

la scena finale del film è devastante, in effetti……

jada
Ospite

conoscevo abbastanza la storia e l ho sempre reputata fra le persone più importante che hanno e ancora partecipano alla lotta alla mafia…ps complimenti al prete…proprio un vero servitore ma certo non di Dio

wpDiscuz